domenica 17 novembre 2019

La Via Francigena a Pavia. Visita Guidata gratuita in Città

Domenica 17 novembre 2019 alle ore 15.00 Visita guidata GRATUITA a cura di Oltre Confine Onlus, in collaborazione con il Comune di Pavia. Ritrovo: Ponte Coperto (lato città)
"La via Francigena a Pavia - dal Ponte Coperto a San Lazzaro, un tratto della Tappa 14".
Una camminata sul territorio della città di Pavia, per ricalcare uno dei possibili percorsi tracciati dai pellegrini che percorrevano la Via Francigena sul tratto Pavese.
Partiremo dal Ponte Coperto per imboccare il lato sinistro del lungo fiume, in direzione Idroscalo. Percorreremo il sentiero che costeggia il Ticino, raccontando del Fiume e della sua importanza, per sbucare alla confluenza del Naviglio nel fiume. Da qui raggiungeremo la Chiesa di San Pietro in Verzolo, una volta monastero di San Pietro apostolo, di fondazione benedettina, a cui si aggiunse un importante ospedale, intorno al 930 d.C. Visiteremo l’interno della chiesa ed il pregevole chiostro. In ultimo raggiungeremo la piccola chiesetta di San Lazzaro, fondata nel 1157, collegata ad un ospedale che fu per lungo tempo rifugio dei pellegrini ed è oggi uno dei più antichi lebbrosari d’Italia.
Durante la passeggiata la guida narrerà ai partecipanti la storia della Via Francigena, la sua nascita ed il suo sviluppo, soffermandosi anche ad osservare il territorio circostante
PER INFO: 0382 399790 / turismo@comune.pv.it.
NON è richiesta alcuna prenotazione !

venerdì 15 novembre 2019

Arezzo e Firenze nel Quattrocento: politica e cultura

Duplice appuntamento, venerdì 15 novembre 2019 all’Auditorium comunale Aldo Ducci di via Cesalpino a Arezzo. La Brigata degli amici dei monumenti, d’intesa con la Società storica aretina, assegna agli storici Robert Black e Jean Pierre Delumeau il Premio Mario Salmi, giunto alla terza edizione, come autori di studi e di pubblicazioni che hanno contribuito ad un profondo rinnovamento della storiografia aretina. La cerimonia di consegna del premio, per mano del presidente Claudio Santori, avverrà alle ore 16,00.
Un’ora dopo, alle ore 17,00 è in programma la presentazione del libro dello stesso Robert Black “Arezzo e Firenze nel Quattrocento: politica e cultura”, edito dalla Società storica nella collana “Studi di storia aretina”, per la traduzione di Giacomo Fani e la revisione generale di Silvia Tavanti, con la supervisione di Luca Berti. Ad illustrare il contenuto dell’opera sarà il professor Franco Franceschi, docente di Storia medievale presso l’Università di Siena.
Il libro raccoglie sei saggi pubblicati in lingua inglese fra il 1986 e il 2006, che hanno per argomento i rapporti politici e culturali tra Firenze e Arezzo, dalla fine del Trecento all’inizio del Cinquecento. Il primo saggio riguarda Benedetto Accolti (1415-1464), aretino di nascita, che fu primo cancelliere di Firenze negli ultimi sei anni della vita. Il secondo discute l’interpretazione fatta da Carlo Ginzburg del ciclo di affreschi raffigurante la leggenda della Vera Croce, capolavoro di Piero della Francesca nella chiesa di S. Francesco ad Arezzo. Gli altri quattro saggi hanno per argomento i complessi rapporti politici tra Arezzo, Firenze e la famiglia dei Medici nel Quattrocento.
Consegna del Premio Mario Salmi e presentazione del libro di Robert Black Eventi a Arezzo
Attraverso un uso attento ed originale della documentazione d’archivio, l’autore mette in evidenza il continuo evolversi dei rapporti fra città dominante e città soggetta, superando il vecchio schema storiografico di una uniforme e generalizzata decadenza di Arezzo dopo la sottomissione a Firenze del 1384.

giovedì 14 novembre 2019

L’enigma del Maestro dei Mesi di Ferrara

Giovedì 14 novembre 2019 alle ore 17.30, presso Palazzo Bonacossi a Ferrara, ritorna Anatomia di un capolavoro. Storia, stile e iconografia nelle opere del Museo della Cattedrale. Promosso dall’importante istituzione museale e giunto alla quinta edizione, il tradizionale ciclo di conferenze annuale sarà dedicato alle sensazionali sculture del Ciclo dei Mesi.
Ancora una volta sarà protagonista una porzione della storia di Ferrara non molto conosciuta eppure di grande significato: l’età medievale che, specialmente nel XII e XIII secolo, vide la città al centro di un fervido scambio culturale. Tale vivacità ha generato capolavori come la facciata della Cattedrale e la distrutta Porta dei Pellegrini, posta sul fianco meridionale del Duomo. Proprio i frammenti di quest’ultima costituiscono l’oggetto del ciclo di Anatomia di un capolavoro del 2019: inserite a corredo del sottarco del portale e disposte su due fasce sovrapposte, le sculture della Porta dei Mesi furono realizzate intorno al 1225-30 ad opera di uno straordinario artista che da questa impresa prende il “nickname”: il Maestro dei Mesi di Ferrara. Il mistero attorno alla sua identità rappresenta uno dei quesiti più affascinanti della storia dell’arte medievale europea. Attivo a Ferrara, Forlì e Venezia nella prima metà del Duecento, l’anonimo artista, nato in seno alla tradizione romanica padana di Benedetto Antelami, elabora uno stile assolutamente personale molto affine al naturalismo gotico della scultura monumentale delle cattedrali dell’Île-de-France. Un linguaggio innovativo che lo ha reso uno più grandi scultori della sua generazione.
Racconterà il rebus intorno all’identità del Maestro dei Mesi Giovanni Sassu, storico dell’arte e conservatore del Museo ferrarese, che ricostruirà anche la conformazione originaria della Porta e i suoi precedenti in ambito italiano ed europeo.
Per maggiori informazioni e il programma completo dei tre incontri clicca qui !

mercoledì 13 novembre 2019

Guardie e ladri. Controllo della devianza e gestione del crimine nelle città italiane del medioevo

Giovedì 14 novembre 2019, alle ore 15,00 presso la Biblioteca di Scienze della storia e della documentazione storica dell'Università degli Studi di Milano in Via Festa del Perdono 7 si tiene l'incontro "Guardie e ladri. Controllo della devianza e gestione del crimine nelle città italiane del medioevo".
I sistemi giudiziari delle città italiane del tardo medioevo prevedano forme di trattamento della devianza – sociale, politica, religiosa, giuridica – più complesse e, sotto un certo punto di vista, più “moderne” di quanto la storiografia ha a lungo ritenuto. Grazie a due volumi che affrontano le opposte prospettive di chi deviava dalle norme e di chi li puniva sarà possibile offrire uno sguardo nuovo su un aspetto fondamentale della società medievale che riguardava uomini e donne, chierici e laici, governanti e governati.
I libri presentati: L’ordine della città. Controllo del territorio e repressione del crimine nell’Italia comunale, Paolo Grillo, Viella; Storie di vita e di malavita. Criminali, poveri e miserabili nelle carceri di Milano alla fine del medioevo, Marina Gazzini, Reti Medievali - Firenze University Press.
Partecipano: Alessandra Bassani, Nadia Covini, Marina Gazzini, Paolo Grillo, Roberto Isotton e Jean-Claude Maire Viguer.
Modera: Gabriella Piccinni.

venerdì 8 novembre 2019

Medioevo in Libreria 2019-2020, seconda giornata

Sabato 9 novembre 2019 l’Associazione Italia Medievale è lieta di invitarvi alla seconda giornata di Medioevo in LIbreria 2018-2019 organizzato in collaborazione con l’Istituto Italiano dei Castelli e con la sua sezione Lombardia che avrà il seguente programma: 
Ore 10,00: Milano Medievale: Visita guidata alla Chiesa di Santa Maria del Carmine. Costo: 5 euro per i soci di Italia Medievale, 8 euro per i non associati. Ritrovo davanti all’ingresso in Piazza del Carmine, 2. A cura di Maurizio Calì.
Nel pomeriggio presso la Sala Conferenze del Civico Museo Archeologico di Milano (Ingresso gratuito da Via Nirone, 7):
 
Ore 15,30: Medioevo Movie. Viaggio nel Medioevo filmato. Proiezione del video I castelli di Soncino e di Pagazzano A cura di Italia Medievale. 
Ore 16,00: Elena Percivaldi, medievista, ricercatrice e giornalista professionista: “35 Castelli imperdibili Lombardia”.
La Lombardia è terra di castelli. Ve ne sono a decine, sparsi su tutto il territorio, anche se in maniera non omogenea: che siano austere sentinelle a guardia di impervie vallate oppure grandi fortezze che dominano la pianura, conservano intatto il fascino di chi è stato testimone della Storia.
Il libro di cui ci parla la relatrice non è, però, la solita «guida turistica» che elenca in maniera asettica edifici, capolavori e artisti. È una narrazione che conduce per mano il visitatore a rivivere le tante vicende, a volte eroiche e altre macabre, che si sono svolte tra le loro mura e a conoscere i protagonisti che ne hanno segnato il destino. Molti castelli conobbero il loro momento di maggior splendore durante l’epoca dei Visconti e degli Sforza, altri vennero costruiti per contrastarne le ambizioni, finendo contesi tra il ducato di Milano e la Serenissima. Scoprirli è un’esperienza unica ed emozionante, da fare con l’aiuto di questo volume, che fornisce tutte le informazioni pratiche per la visita, oltre ad approfondimenti su storia, arte, natura.
I CASTELLI:
Rocca di Angera, Castello di Fagnano, Castello Visconti di San Vito, Castel Baradello, Castelli di Dervio, Castello di Vezio, Castelli di Grosio, Castel Masegra, Castello di Calepio, Castello di Malpaga, Castello di Pagazzano, Castello di Bornato, Castello di Breno, Castello di Lonato, Castello di Bonoris, Castello di Sirmione, Castello di Padernello, Castello di Abbiategrasso, Castello di San Giorgio, Castello di Melegnano, Castello di San Colombano, Castello di Trezzo sull’Adda, Castello di Vigevano, Castello di Belgioioso, Castello di Chignolo Po, Castello Litta, Castello di Lomello, Castello di Scaldasole, Castello di Sartirana, Castello di Zavattarello, Castello Bolognini, Villa Medici del Vascello, Castello di Pandino, Castello di Soncino, Rocca di Solferino.
 
Elena Percivaldi, medievista, ricercatrice e giornalista professionista, collabora con riviste come Medioevo e BBC History. All’attività di relatrice in conferenze e convegni affianca la curatela di mostre ed eventi storico-rievocativi ed è membro di prestigiosi comitati scientifici. Ha pubblicato una quindicina di volumi – tra cui La navigazione di San Brandano (prefazione di Franco Cardini), con cui ha vinto nel 2009 il Premio Italia Medievale – alcuni dei quali tradotti anche all’estero. All’amore per la storia affianca quello per i viaggi, l’arte, la buona musica e la gastronomia di qualità. Il suo sito è: www.perceval-archeostoria.com.

sabato 2 novembre 2019

La formazione dell’idea di Europa nell’Occidente medievale

Domenica 3 novembre 2019, alle ore 16,30, all’Abbazia di San Mercuriale, in piazza Saffi a Forlì, per il ciclo di incontri “Cristianesimo ed Europa”, promosso dall’Associazione Culturale San Mercuriale e dall’Ufficio Diocesano per la Cultura, Francesca Roversi Monaco, Università di Bologna, terrà una conferenza su “La formazione dell’idea di Europa nell’Occidente medievale“. Ingresso libero.