martedì 17 luglio 2018

L’Appia sbarrata. Le porte di Posterula a Terracina

Mercoledì 18 luglio 2018, alle ore 21.00, nell’ambito dell’iniziativa del WWF Litorale Pontino denominata “Estate dei libri alla Rimembranza”, sarà presentato il nuovo saggio di Rosario Malizia "L’Appia sbarrata. Le porte di Posterula a Terracina", quarto fascicolo della collana “Regina Viarum” pubblicata da BookCart Editore.
Questa volta l’argomento dello studio riguarda l’importante scoperta, avvenuta alcuni anni fa durante i lavori di ristrutturazione di un ristorante in Via Posterula, di due porte della cinta muraria di Terracina bassa: la prima, dell’inizio del V sec. d.C., è l’antica Porta Romana inferiore che, inglobata alla fine del ‘700 nell’odierno Palazzo Cardinali, era stata data per scomparsa dalla bibliografia locale; la seconda porta, fino ad ora del tutto sconosciuta, va invece identificata in un ingresso medievale al quartiere di Posterula realizzato in sostituzione di quello tardo-antico, ostruito dopo l’abbandono del tratto inferiore dell’Appia, che risultò pertanto sbarrato e inutilizzato.
Con questo studio, impostato su un’accurata indagine archeologica e storica che ha tenuto conto anche della documentazione iconografica e archivistica disponibile, è stato quindi possibile ottenere una migliore comprensione di una zona poco nota della città antica, che oggi risulta purtroppo in uno stato di profondo degrado nonostante la rilevante valenza monumentale e paesaggistica: fra gli scopi del nuovo saggio c’è, pertanto, anche l’esigenza di richiamare l’attenzione pubblica sulla necessità di recuperare e valorizzare, sul piano culturale e turistico, tale zona proprio in considerazione della sua millenaria funzione urbanistica di collegamento strategico fra la parte alta e quella bassa di Terracina.

domenica 15 luglio 2018

Ponti medievali e mulattiere lungo le vie dell’acqua

Domenica 15 luglio 2018 "Ponti medievali e mulattiere lungo le vie dell’acqua", nei borghi del Pratomagno. Escursione guidata tra il mulino ed il ponte romanico di Buiano e gli antichi borghi di San Clemente in Valle e Poggio di Loro. Ritrovo davanti alla chiesa di San Clemente in Valle alle ore 9:15, partenza ore 9:30; seguirà pranzo (costo 15 euro) con prodotti e ricette della tradizione alla “Sagra della Ribollita” a San Clemente in Valle.
Escursione gratuita a numero chiuso, prenotazione ad Alcedo Ambiente (info@alcedoambiente.com).

venerdì 13 luglio 2018

Percorso Enogastronomico Medievale e Corteggio Storico

Sabato 14 e domenica 15 luglio 2018 Chiusi della Verna (AR) e il Santuario francescano della Verna faranno da sfondo a due appuntamenti all’insegna delle tradizioni locali e storiche di questo antico territorio.
Il centro storico del paese si animerà in un’atmosfera tipicamente medievale.
L’antefatto storico risale all’8 maggio del 1213 quando, presso il castello di San Leo nel Montefeltro, Francesco d’Assisi ebbe modo di incontrare il Conte Orlando Cattani del castello di Chiusi in Casentino. Proprio in quell’occasione il Conte, colpito dal fascino del fraticello, gli propose di consegnarli in dono il Monte della Verna, se lo avesse accettato.
Io ho in Toscana uno monte divotissimo il quale si chiama monte della Vernia, lo quale è molto solitario e salvatico ed è troppo bene atto a chi volesse fare penitenza, in luogo rimosso dalle gente, o a chi desidera fare vita solitaria. S’egli ti piacesse, volentieri Io ti donerei a te e a’ tuoi compagni per salute dell’anima mia.
La rievocazione, che il Gruppo Storico della Proloco locale organizza ormai da molto tempo, ricorda il viaggio che il Conte Orlando Cattani, signore di Chiusi in Casentino, fece nel 1214 con il suo seguito, dal suo castello, di cui oggi rimangono le vestigia, alla foresta della Verna per far dono del monte dove, nel frattempo, Francesco d’Assisi era salito per la prima volta a raccogliersi, pregare e fare penitenza. “Per gli amici ed i nemici questo monte era il mio vessillo, ora è tuo…E nelle tue mani questo vessillo sarà visto e portato molto più lontano, fino al limitare del mondo”.
Due manifestazioni, quelle del 14 e 15 luglio che fondono insieme tradizioni enogastronomiche locali e vita medievale da una parte, importante memorie e tracce di un passato storico dall’altra.
Per seguire l'evento su Facebook clicca qui !

giovedì 12 luglio 2018

"Aspettando.. Viaggio nel Medioevo" a Finalborgo (SV)

Venerdi 13 luglio 2018 per la prima volta la Fortezza di San Giovanni a Finalborgo (SV) ospiterà la manifestazione “Aspettando il viaggio nel Medioevo”, anteprima del noto evento internazionale “Viaggio nel Medioevo” che quest’anno sarà in programma a Finalborgo dal 23 al 26 agosto e si fregerà del logo “2018 Anno Europeo del Patrimonio Culturale #EuropeForCulture”, prezioso riconoscimento ottenuto dal Ministero dei Beni Culturali.
Grazie al patrocinio del Polo Museale della Liguria e del Comune di Finale Ligure, il Centro Storico del Finale potrà realizzare questa edizione della manifestazione d’apertura della stagione, proprio nella fortezza sopra Finalborgo, riaperta finalmente al pubblico. Oltre alle spettacolari esibizioni degli artisti in programma, impagabile la possibilità di osservare il borgo e le valli finalesi da una prospettiva unica.
Alle 20,30 dal Lungomare di Finalmarina partirà la tradizionale sfilata storica in abiti quattrocenteschi. Il Corteggio Storico arriverà alla Fortezza San Giovanni alle 21,30 circa, per dare l’inizio agli spettacoli con l’apertura ufficiale della manifestazione. Già dalle ore 19,00 la zona attorno al Forte sarà presidiata da soldati accampati e all’interno del San Giovanni saranno aperte le taverne dove i più pigri potranno già dal tardo pomeriggio degustare bevande e piatti d’altri tempi.
Attraversare i portoni della Fortezza San Giovanni sarà come varcare una porta del tempo.
Spettacoli di Spada, con la “Compagnia del Leone”, giochi di bandiera degli Sbandieratori di
Oglianico, caroselli di tamburi con i Tamburini Marchionali giunti al seguito del Marchese Giovanni del Carretto. Saranno presenti anche i notissimi Sonagli di Tagatam al quale è affidata la colonna sonora dal vivo della magica serata. Scorribande e follie dei figuranti-attori del Laboratorio Teatrale Medievale Viv’Arte Italia, evoluzioni di fuoco con i Focus Magistri e dulcis in fundo i divertenti e coinvolgenti spettacoli con Monaldo Istrio lo Giullare. Il tutto gustando nelle taverne prelibatezze dal sapore medievale annaffiate dal magico “ippocrasso”.
Nel 40° anniversario dell’associazione culturale “Centro Storico del Finale”, la manifestazione d’apertura della stagione inizierà proprio con il Corteggio Storico da Finalmarina, lo stesso evento che nel 1978 ha visto per la prima volta, giovani e meno giovani finalesi indossare abiti medievali.
Spettacoli, sfilate, rievocazione e divertimento popolare, accostate alla cultura e ai luoghi straordinari della nostra storia, sono la consueta ricetta del Centro Storico del Finale; un semplice e straordinario mezzo di comunicazione per far conoscere la storia del nostro territorio.

mercoledì 11 luglio 2018

La Tavola di Bisanzio 2018


Il Comune di Baiso (RE) e l'Associazione Tavola di Bisanzio hanno organizzato anche questo anno la manifestazione rievocativa dell'estate: "La Tavola di Bisanzio 2018" che avrà luogo sabato 14 dalle 16,00 alle 24,00 e domenica 15 luglio dalle 9,00 alle 23,00.
La Tavola di Bisanzio è un evento culturale che, partendo dalla geografia e dalla storia di questo territorio, ne raccoglie le testimonianze, le studia, le “mette in valore” per restituire ai luoghi e agli uomini che li abitano, la coscienza di sè e l’orgoglio del proprio passato.
Tutto avviene per le vie e le piazze del paese che intende ricordare in questo modo che al tramonto dell'Impero Romano il confine tra i domini bizantini e quelli longobardi correva su questi territori.
Il paese si ammanterà di medioevo con mercato ad hoc, falconieri e sbandieratori, artisti di strada e giochi medievali, musiche d'epoca, spettacoli e danze col fuoco.
Si concluderà con una pantagruelica cena medievale bizantina dopo le esibizioni di arcieri e balestrieri ed il corteo storico.

martedì 10 luglio 2018

Rosalia. Santità, memorie e identità cittadine

Giovedì 12 luglio 2018 alle ore 16,00 al Museo internazionale delle marionette Antonio Pasqualino di Palermo si tiene l'incontro di studio: "Rosalia. Santità, memorie e identità cittadine".
Un profondo legame stringe i cittadini ai propri santi protettori, numi benevoli ma severi, garanti dei cicli della vita individuale e collettiva e dell’ordine sociale. Un legame talmente profondo che la santa o il santo patrono diviene il simbolo stesso della comunità, il totem identitario che si moltiplica nei nomi dei suoi devoti: Rosalia a Palermo, Agata a Catania, Lucia a Siracusa, Gennaro a Napoli, sono non a caso tra i nomi di battesimo maggiormente ricorrenti. D´altronde nella lunga e complessa storia politica d’Italia la Chiesa è stata l´unico potere diffuso e coesivo, all’interno di una realtà di particolarismi esasperati, in grado di proporre e affermare, soprattutto fra i ceti popolari, tratti identitari comuni. In tal modo i santi e i loro culti sono divenuti depositari di consuetudini e memorie collettive, delle storie della comunità.
Per maggiori informazioni e programma completo clicca qui !

lunedì 9 luglio 2018

I Templari a Milano

I Templari nell’immaginario collettivo sono da sempre qualcosa di misterioso, oltre che di mistico e religioso. Essi furono l’Ordine religioso-militare del Tempio di Gerusalemme, fondato nel XII secolo allo scopo di proteggere il Santo Sepolcro e i pellegrini che si recavano in pellegrinaggio a Gerusalemme. La presenza dei Templari a Milano si deve far risalire al 1135, lasciando tracce ancor oggi visibili.
Una passeggiata culturale, in programma martedì 10 luglio 2018 dalle ore 19,00 alle 20,30, dedicata ai Templari a Milano, la PRIMA a Milano sull’argomento, per riscoprire la storia misteriosa di questo ordine: partiremo dai Giardini della Guastalla e passeggeremo in via della Commenda dove si stabilirono in quella che appunto fu una delle loro “Commende” appena fuori la vecchia Porta Romana.  Vi racconterò la storia del quartiere, profondamente legato ai Templari e tra rievocazioni, luoghi ricchi di storia, misteri e curiose simbologie legate all’ordine dei Templari ci dirigeremo verso la Chiesa di Santa Maria della Pace, edificio ora sede dell’Ordine dei Cavalieri del Santo Sepolcro, e degli ulteriori legami dei Templari con altri luoghi cardine di Milano, quali la Cripta di San Giovanni in Conca, l’abbazia di Chiaravalle, il Duomo di Milano e Sant’Ambrogio.
La visita terminerà nella Rotonda della Besana, che non ha nessun legame con quest’ordine, ma che è un luogo altrettanto carico di storie e aneddoti, a partire dalla sua funzione iniziale…
Per seguire l'evento su Facebook clicca qui !

domenica 1 luglio 2018

Giostre e tornei: la guerra per gioco

Lunedì 2 luglio 2018 alle ore 20.30 all’ex Opificio Cruto in Via Mateotti, 2 a Alpignano (TO) ci sarà una conferenza sulle giostre e i tornei medievali con l’intervento di Livio Secco, esperto di storia militare e scienza delle armi e docente di oplologia e polemologia. Sarà una conferenza sul significato delle giostre e dei tornei in tempo di pace, spettacolo per la gente e allenamento per i soldati. Furono eventi che contraddistinsero l'epoca Medievale e Rinascimentale e nell'immaginario collettivo tuttora la caratterizzano moltissimo con le gesta di cavalieri corazzati che duellano a cavallo o appiedati alla ricerca di fama, onore e prestigio.
L'ingresso è libero e gratuito e potranno partecipare tutti coloro che ritengono l'argomento di loro gradimento e di loro interesse. BAMBINI E RAGAZZI SONO I BENVENUTI. L’armatura potrà essere vista e toccata in ogni sua parte durante tutto l’incontro.
Dopo averne specificato lo sviluppo e l'evoluzione storica, nella serata verranno esaminate le armi che i contendenti utilizzavano nelle sfide a squadra o individuali. La prima arma ovviamente è la lancia, evidenziata da una cinematografia non sempre cronologica e corretta, poi la spada, infine il mazzafrusto e la mazza flangiata. Sebbene vietati per la loro altissima pericolosità, vengono presentati anche alcune tipologie di pugnali perché interessanti sui campi di battaglia. Si passa poi alla disamina delle protezioni passive del cavaliere con la presentazione delle armature da giostra che derivano inizialmente da quelle di guerra per poi pesantemente specializzarsi. Assistiamo graficamente alla vestizione del re di Polonia Sigismondo II preso ad esempio per un'armatura qualitativamente superiore ancora oggi conservata.
Di seguito si passa alla protezioni passive dei cavalli distinguendone la gualdrappa dalla bardatura e quindi le testiere a vista oppure cieche specifiche per le giostre in lizza. Non si può ovviamente evitare di accennare ai compiti degli araldi e a quelli degli arbitri che all’epoca devono gestire le sfide sempre più importanti e spettacolari e che richiamavano un folto e competente pubblico da ogni parte d'Europa.
L’incontro si conclude esaminando i punteggi e le penalità che venivano attribuite dagli arbitri ai campioni a seconda delle azioni corrette e scorrette che vedevano svolgersi sul campo chiuso.
Il finale è ovviamente dedicato all'opposizione che la Chiesa faceva ufficialmente ma inutilmente contro questo fenomeno culturale e sociale.
Sarà presente all’incontro anche un cavaliere in armatura per far vedere il maneggio della spada ad una mano e mezza e far toccare dal vivo il cavaliere e i materiali.
Per seguire l'evento su Facebook clicca qui !

sabato 30 giugno 2018

"Alla corte dei Carroç" a Villaputzu (CA)



L'Associazione Turistica Pro Loco con il Patrocinio del Comune di Villaputzu e la collaborazione di A.S.D Sarrabus Runners organizza sabato 30 giugno 2018 la manifestazione "Alla corte dei Carroç" presso la chiesa di San Nicola Quirra a Villaputzu (CA).
Alle ore 8:30 visita guidata alle antiche chiese e castello di Quirra.
Un tuffo nel passato con il mercato medievale, animazione contadina e antichi mestieri.
Rievocazione dell'assedio al castello con la Compagnia medievale Kirra di Villaputzu e la Compagnia d'armi medioevali di  Sanluri.
Per seguire l'evento su Facebook clicca qui !

giovedì 28 giugno 2018

"Immaginare il medioevo, immaginare nel medioevo"

Quanto c'è di reale, e quanto invece di immaginato, nel medioevo che percepiamo ogni giorno, nelle piccole e nelle grandi cose? E il medioevo - quello autentico - immaginava a sua volta un passato da cui prendere spunto? Ne parliamo sabato 30 giugno 2018 alle ore 19,00 a Passignano sul Trasimeno (PG) nel corso di "Immaginare il medioevo, immaginare nel medioevo" con Davide Iacono e Riccardo Facchini di MEDIAEVI - Il medioevo al presente, Jacopo Mordenti e Vanni Ruggeri: una tavola rotonda che avrà per protagonisti castelli, templari, piccole patrie... e pittori ferocemente sarcastici.
Per seguire l'evento su Facebook clicca qui ! 
Riccardo Facchini (Roma, 1984). Dopo la laurea magistrale conseguita presso l'Università degli Studi di Roma 'La Sapienza', consegue nel 2014 il dottorato di ricerca in Storia della civiltà europea, presso l'Università europea di Roma, con una tesi sul riscatto di prigionieri veneziani in terra islamica durante il basso medioevo. Attualmente concentra la sua attività di ricerca sulla ricezione e sull'utilizzo dell'immaginario medievale nella cultura popolare e nel dibattito politico e religioso occidentale.
Davide Iacono (Ragusa, 1985). Nel 2014 consegue la laurea magistrale con una tesi sul medievalismo, con particolare attenzione allo studio delle fonti medievali che avrebbero ispirato le opere del pittore preraffaellita Edward Burne-Jones. Al momento prosegue lo studio dei rapporti tra ventennio fascista e medievalismo. Tra i suoi ultimi lavori si annovera un contributo, in via di pubblicazione, sulla fortuna del culto di San Giorgio nell'Inghilterra tra Ottocento e Novecento contenuto nel volume Narrazioni agiografiche tra Ottocento e Novecento per i tipi di Viella.
Jacopo Mordenti (1982) ha conseguito la laurea specialistica in Culture del Medioevo e Archivistica all’Università degli Studi di Bologna (2008). Si occupa in particolare di ordini monastico-militari e di Oriente Latino, pubblicando ricerche di taglio sia scientifico che divulgativo. Ha collaborato, fra gli altri, con Encyclomedia Publishers, Storica National Geographic e Medioevo.
Vanni Ruggeri, nato a Castiglione del Lago (PG) il 24 marzo 1981, è storico e ricercatore. Dopo la laurea in Lettere conseguita presso l’Università degli Studi di Perugia con una tesi dal titolo Il cittadino vescovo. Alessandro Maria Odoardi nella Perugia giacobina, ha usufruito, presso lo stesso ateneo, di una borsa di studio nell’ambito dei corsi del Dottorato di ricerca in Scienze storiche dal medioevo all’età contemporanea, dove ha presentato una dissertazione finale in Storia moderna suChiesa e impero francese in Umbria nella documentazione delle Archives Nationales di Parigi.

mercoledì 27 giugno 2018

Viterbo da non perdere

Un fine settimana ricco d'appuntamenti alla scoperta di bellezze uniche a Viterbo e in provincia. Con l'associazione di promozione sociale Etruria In e l'ufficio turistico di Viterbo gestito da PromoTuscia non c'è che da scegliere.
Venerdì 29 giugno 2018 alle ore 10,30, “Storia, curiosità, leggende, pettegolezzi e intrighi della Viterbo medievale”, con un gustoso finale, la degustazione di prodotti tipici in loco.
Sabato 30 giugno 2018 alle ore 11,00 “Santa rosa tra leggenda e realtà, studio sulla mummia di santa Rosa”. Per scoprire tutto sugli studi effettuati, ma anche le tante storie che si narrano, tramandate di generazione in generazione. 
Domenica 1 luglio 2018 è la volta di Civita di Bagnoregio, la “città che muore”. Alle ore 10,30, visita guidata in uno dei borghi più belli e più conosciuti d'Italia. A passeggio tra gli stretti vicoli, ammirando la bellezza mozzafiato della valle dei Calanchi. Sempre domenica, ma alle ore 17,00 lungo la via Clodia, in uno dei più antichi centri dell'Etruria meridionale interna. “Blerae veteris vestigia”. Il borgo medioevale, le suggestive necropoli rupestri d'epoca etrusca e romana e le antiche strade solcate nel tufo. Al termine della passeggiata, aperitivo campestre presso il casale di Petrolo.
Per ciascuna visita guidata, numero minimo di partecipanti, dieci. Costo 8 euro. Per info e prenotazioni, ufficio turistico di Viterbo, telefono 0761 226427, mail: info@visit.viterbo.it.

martedì 26 giugno 2018

Quirino Principe legge e commenta Dante

Martedi' 26 giugno 2018 alle ore 18.30 presso la Libreria Citta' Possibile in Via Frua 11 (ingresso da Via delle Stelline) a Milano prosegue la Lectura Dantis intrapresa in occasione del 750° anniversario della nascita di Dante Alighieri dal Circolo Autori Lettori, ideato da Jaca Book "Citta' Possibile".
Quirino Principe legge e commenta il canto XXVI dell'Inferno
nel quale si tratta de l'ottava bolgia contro a quelli che mettono aguati e danno frodolenti consigli; e in prima sgrida contro a' fiorentini e tacitamente predice del futuro e in persona d'Ulisse e Diomedes pone loro pene.
Ingresso libero. Segue aperitivo.