lunedì 25 agosto 2014

Tempore Manfredi al Castello di Manfredonia (FG)

Giovedì 28 agosto 2014 andrà in scena al Castello di Manfredonia (FG) "Tempore Manfredi. Usi e costumi all'età di Re Manfredi".
La manifestazione prevedrà la partecipazione delle Associazioni “Imperiales Friderici II” e “Lupo Errante” del Coordinamento “Mille&Duecento” (www.coordinamentomilleduecento.it) e dell’Associazione “Amici del Medioevo”, oltre alla collaborazione di altre Associazioni. Il periodo prescelto è quello più significativo, ovvero l’epoca di fondazione della città di Manfredonia. La storia della Capitanata nel XIII secolo, regione continentale d’Apulia del Regno di Sicilia, è legata agli Svevi che qui vollero dimorare e regnare tanto da farne una sorta di Caput. Sia Federico II che suo figlio Manfredi hanno lasciato segni indelebili in queste terre. Tale scelta è motivata soprattutto dal fatto che si intende dare importanza alle vicende storiche che hanno interessato Manfredonia durante il Duecento valorizzando, al contempo, i siti ed i luoghi propri dell’epoca in questione.
L'iniziativa proporrà uno spaccato sociale dell’epoca attraverso usi e costumi proponendo sia il mondo civile, con l’allestimento di numerose attività tipicamente commerciali e artigianali, che il mondo degli armati, con accampamenti e bivacchi militari.
La manifestazione sarà caratterizzata da una ricostruzione storica su base storico-scientifica ed avrà come oggetto uno spaccato di vita quotidiana della Manfredonia nel XIII secolo, all’epoca di re Manfredi di Svevia.
L’evento prevederà l’allestimento di numerose scenografie (altamente funzionali allo scopo di proiettare il visitatore convenuto nella metà del XIII secolo), esibizioni-dimostrazioni spettacolari nonché attività di didattica e divulgazione di varie tematiche del periodo svevo.
Lo scopo della manifestazione è anche quello di valorizzare i monumenti ed i siti individuati come necessari e confacenti alle attività che si intendono proporre. Per tale motivo si è pensato di utilizzare il fossato e l’interno del Castello, che consentirà anche una maggiore fruibilità da parte del pubblico delle attività proposte.
L’intrattenimento avrà come filo conduttore la storia narrata e la musica. La storia narrata sarà a cura dei “Liberi Attori” che coinvolgeranno i visitatori e i convenuti con storie, aneddoti e performance teatrali riguardanti il medioevo; invece i “I Federiciani”, con le loro suggestioni sonore, eseguiranno della musica medievale dal vivo.
Inoltre, a cura dell’Associazione “Amici del Medioevo”, verrà inscenato, a scopo ludico-didattico nonché spettacolare, un Torneo Storico di Combattimento Medievale Interstile in armatura completa, delle seguenti discipline: spada ad una mano, spada a due mani, spada e scudo.
Infine, a cura di ristoratori locali verrà predisposta una degustazione “A tavola nel medioevo …”, al fine della promozione di prodotti tipici della Daunia, legati alla storia del territorio e alle sue tradizioni.

2 commenti:

  1. Strepitoso dossier sulla navigazione nell'ultimo numero di Focus: le tappe della storia, le nuove tecnologie per consumare e inquinare meno, e i 7 profili semiseri degli italiani, popolo di santi, poeti e... navigatori

    RispondiElimina
  2. Che figata l'inserto di Focus sui robot! Sapevate che il primo ha 2000 anni e fu inventato dai Greci?

    RispondiElimina